Pubblicato il

Raffreddamento a liquido, perchè è efficace?

raffreddamento a liquido

La temperatura a cui lavora un componente hardware, sia esso la CPU o la GPU, è determinante per assicurare il corretto funzionamento e le prestazioni ottimale del suddetto componente. Molto spesso la temperatura è un parametro sottovalutato, soprattutto dai più inesperti in materia di computer, ma essa può creare seri danni alla componentistica se supera determinate soglie.

Per assicurare che i valori di calore rimangano a livelli standard e non diventino eccessivi si possono usare vari metodi. La pasta termica ad esempio viene applicata sul processore sopra il quale viene poi applicato anche un dissipatore di calore (solitamente a ventola) per abbassare le temperature. Ma esiste un metodo molto più efficace del tradizionale raffreddamento ad aria ed è appunto il raffreddamento a liquido.

Gli impianti di raffreddamento a liquido si basano appunto su una sostanza liquida (solitamente acqua distillata) che, grazie alla proprietà convettiva, assorbe il calore dal componente e lo trasporta al radiatore, per poi essere nuovamente raffreddato e far ripartire il ciclo. Questo tipo di impianto richiede un po’ più di lavoro in fase di assemblaggio ma garantisce ai componenti hardware una temperatura costante.

Esaminando nel dettaglio l’impianto possiamo trovare diversi elementi che lo compongono:

  • Riserva: ovvero il contenitore in cui è alloggiato il liquido
  • Fluido Refrigerante
  • Pompa: che sposta il liquido attraverso i tubi
  • Radiatore: che ha il compito di raffreddare il liquido di ritorno
  • Waterblock: è il dispositivo che si pone sopra il componente da raffreddare per consentire il passaggio del liquido.
  • Tubi
  • Raccordi: che servono a collegare i tubi personalizzandone i percorsi

Integrare l’impianto di raffreddamento a liquido con le tradizionali ventole del case, aiuterà il pc a lavorare a temperature normali anche durante periodi di carico intenso o durante le afose giornate estive.

Pubblicato il

Processore da Gaming per la Scuola, ecco i7 4770k

processore gaming scuola

Se state pensando di aggiornare il vostro computer dedicato al gaming e alla scuola, dovete tenere conto di molti fattori, primo fra tutti è il “cuore” della vostra futura macchina videoludica, centro nevralgico per il calcolo veloce che determinerà poi la scelta di tutti i componenti successivi per assemblare il pc più adatto alle vostre esigenze. Oggi parleremo quindi del più economico processore da gaming attualmente in commercio i7 4770k.

Naturalmente esistono modelli più nuovi per quanto riguarda i processori, ma per chi cerca un ottimo rapporto prezzo/prestazioni, il 4770k rimane ancora una delle scelte più azzeccate. Questo piccolo gioiellino prodotto da Intel, che ormai domina il mercato dei processori da parecchi anni, è costruito con l’ architettura Haswell, che permette l’esecuzione di 8 operazioni per ciclo di clock, rendendo il computer molto più veloce.

Scegliere un processore col suffisso K, significa che avremo la possibilità di applicare quello che in gergo viene chiamato Overclock, ovvero aumentare la frequenza di lavoro del processore per ottenere capacità di calcolo maggiori. Naturalmente l’overclock richiederà un sistema di raffreddamento adeguato, poichè la produzione di calore sarà estremamente elevata.

L’ i7 4770k, arriva anche con una scheda grafica integrata in esso, la HD Graphics 4600, certo un gamer serio comprerà una scheda video esterna come si conviene, ma è comunque un’aggiunta non da poco. Il socket per questo gioiellino è LGA 1150, quindi dovrete scegliere una scheda madre che supporti suddetto socket.

Questo notevole processore ha dimostrato di cavarsela bene anche nel rendering video(che richiede elevate capacità di calcolo per ridurre i tempi dell’operazione), molti youtubers e streamers infatti,lo usano nella loro configurazione hardware e ne sono pienamente soddisfatti.

Pubblicato il

il Corso di Fotografia di Napoli

corso fotografia napoli

Ci sono cose che non possono essere insegnate ed il talento per la fotografia è sicuramente una di queste. Approcciarsi a quest’ arte è alla portata di tutti, eccellere in essa però è privilegio di pochi. Naturalmente un corso di fotografia a Napoli eseguito da insegnanti esperti, unito al talento ed una buona preparazione tecnica può comunque portare ad ottimi risultati, ecco perché con un po’ di impegno è possibile diventare fotografi.

REA RomEur Academy è uno dei massimi referenti in termini di formazione professionale pensati per aiutare chi ha questa passione a diventare fotografo con un corso di fotografia a Napoli. Docenti d’ eccezione seguiranno tutto il tuo percorso didattico insegnandoti le tecniche che loro stessi impiegano sul lavoro, sui set, o sul campo, fornendoti tutte le nozioni necessarie per eccellere in ogni ambito della fotografia.

Studierai quattro grandi aree in cui la fotografia è al contempo fondamentale ma anche molto differente: Reportage, Moda, Pubblicità e Ritratto. In 500 ore ti verranno date nozioni importanti consolidate poi da un aspetto pratico molto marcato, grazie anche all’impiego di modelli e modelle per i tuoi scatti, sale di posa e di foto editing appositamente preparate.

Insomma avrai un vero e proprio assaggio di cosa significa diventare professionista con un corso di fotografia a Napoli, con l’opportunità di applicare concretamente le conoscenze ottenute al mondo del lavoro. Qualunque sia il campo in cui sceglierai di specializzarti, avrai già tutte le competenze più importanti e sarai pronto per trasformare un hobby in una vera professione. Consulta la pagina riportata al link nei paragrafi precedenti, troverai tutte le info che ti servono.